9 MODI PER UTILIZZARE L’ACIDO CITRICO

9 modi per utilizzare l'acido citrico

Spesso si sente parlare dell’acido citrico e dei suoi molteplici utilizzi che si possono fare anche all’interno dell’ambiente domestico.

Ma che cos’è l’acido citrico?

È una sostanza naturale contenuta principalmente negli agrumi e che può essere acquistata in un qualsiasi negozio di generi alimentari o di casalinghi sia sotto forma di polvere sia in granuli.

L’acido citrico permette numerosi vantaggi e garantisce ottima versatilità senza presentare particolari controindicazioni. Per scoprire come usare l’acido citrico, in particolare quali sono i suoi principali 9 utilizzi, leggi questa breve guida sull’argomento. 

Anticalcare

Molte persone acquistano periodicamente acido citrico per realizzare in casa il più classico degli anticalcare. Si ottiene un prodotto che può essere utilizzato senza alcun genere di problema su tutte le superfici lavabili, sui sanitari e sulle piastrelle. L’attenzione è quella di non utilizzare questo genere di prodotto su superfici in legno, come il parquet.

Per la preparazione dell’anticalcare fai da te, bisogna prevedere una miscela che preveda circa il 15% di acido citrico per cui si prende un litro di acqua e si utilizzano 150 g di prodotto che ovviamente devono essere sciolti adeguatamente. Per poter utilizzare al meglio questo anticalcare su tutte le superfici che necessitano di questo supporto, è meglio inserirlo all’interno di un classico contenitore spray.

Cura lavastoviglie

Periodicamente bisogna prendersi cura della propria lavastoviglie per evitare danneggiamenti che possono inficiare sulla qualità del risultato finale o peggio ancora richiedere l’intervento di un oneroso tecnico specializzato. Utilizzando in particolare l’acido citrico in polvere è possibile effettuare un trattamento molto utile, riempiendo la vaschetta del detersivo con due cucchiai colmi di acido citrico e quindi effettuare un lavaggio a vuoto, senza inserire stoviglie e detersivi di altro genere. Questo permetterà di disincrostare correttamente la resistenza e quindi si potrà fruire di migliori prestazioni energetiche anche in termini di consumi. Il consiglio è quello di effettuare quest’intervento di manutenzione ogni mese se in casa c’è acqua dura o ogni tre mesi in caso di acqua dolce. 

Cura lavatrice

La lavatrice con l’utilizzo e con il passare degli anni può presentare delle problematiche che richiedono una costante manutenzione onde evitare di doversi rivolgere a un tecnico specializzato per interventi di riparazione e peggio ancora acquistare un nuovo modello. Nel caso specifico si possono sfruttare ancora una volta le proprietà dell’acido citrico ottenendo una soluzione molto simile a quella anticalcare. In pratica, l’acido citrico deve essere inserito in una percentuale pari al 15%. Per pulire e disincrostare la lavatrice, bisogna inserire nel cestello acido citrico al 15% e quindi mettere in funzione il dispositivo per effettuare un lavaggio ad alta temperatura. Per ottenere dei risultati importanti e soprattutto preservare la qualità della lavatrice, è consigliato effettuare questo trattamento almeno una volta al mese

Brillantante

Il brillantante è un prodotto indispensabile per poter utilizzare al meglio la lavastoviglie e soprattutto ottenere una pulizia adeguata. Anche in questo caso si può prendere in considerazione l’acido citrico per ottenere un ottimo brillantante con una preparazione che deve essere sempre in una percentuale del 15%. Dopo aver preparato un litro più o meno di questa tipologia di brillantante fai da te, la si va a versare nell’apposita vaschetta della lavastoviglie. Come evidenziato in precedenza anche in questo caso si consiglia di inserire il prodotto in un flacone con tanto di tappo salva ,freschezza per poterlo utilizzare più volte.

Ammorbidente

Uno degli utilizzi più apprezzati in casa dell’acido citrico è quello nelle vesti di ammorbidente per il bucato.

La preparazione è molto semplice in quanto è sufficiente sciogliere circa 50 gr di acido citrico con mezzo litro d’acqua.

Per ottimizzare la preparazione e soprattutto conservare al meglio l’ammorbidente ottenuto, è necessario avere a disposizione un vecchio flacone di detersivo con tanto di tappo salva freschezza. Inoltre, per ottenere dei risultati apprezzabili per il bucato occorre utilizzare in media circa 100 ml di prodotto ogni qual volta lo si usa. 

Spray vetri e specchi

Non c’è dubbio che all’interno delle mura domestiche la pulizia di vetri e specchi sia quella più dispendiosa non solo in termini di energie fisiche, ma anche mentali. Tuttavia, con l’utilizzo di prodotti adeguati e strumenti adatti è possibile ottenere un risultato importante senza lasciare aloni.

Nel caso specifico si può utilizzare anche una soluzione a base di acido citrico. In particolare, bisogna prendere un litro di acqua e sciogliere all’interno un cucchiaino di acido citrico in polvere per poi aggiungere anche un cucchiaino di classico detersivo dei piatti, meglio se ecologico. Si mescola bene il tutto e si ottiene uno spray da utilizzare per la pulizia di vetri e specchi. L’unica accortezza è quella di risciacquare abbondantemente dopo aver utilizzato il prodotto sulle superfici in vetro. 

Sgorgante lavandino

Con il passare del tempo spesso i lavandini sono soggetti a fenomeni di otturazione, per cui è necessario acquistare dei prodotti specifici che permettono di liberare gli scarichi. Solitamente questo genere di procedura che permette dei risultati immediati è abbastanza pericolosa sia per la salute delle persone sia per l’impatto ambientale in quanto c’è la presenza di acido solforico. Una valida alternativa è quella per l’appunto di utilizzare acido citrico che permette di fruire di un metodo probabilmente meno potente, ma più ecologico.

In questo caso bisogna prendere un po’ di bicarbonato di sodio solitamente mezzo bicchiere e quindi aggiungere il 20% di acido citrico.

Così facendo si innesca una reazione chimica che offre un’azione importante, capace di eliminare lo sporco spingendolo verso il basso per cui si libera lo scarico. 

Brillacciaio

Per dare lucentezza a tutti gli elementi e complementi di arredo in acciaio, è possibile sfruttare le qualità dell’acido citrico ottenendo una miscela al 15%. Si hanno dei risultati importanti fruendo di un prodotto assolutamente ecologico e per nulla dannoso per la salute delle persone che vivono all’interno di un determinato contesto. 

Detergente wc

La pulizia del wc va fatta praticamente ogni giorno per motivi non solo legati alla sensazione di freschezza che bisogna donare a quest’ambiente, ma anche per questioni di natura igienica. Per facilitare questo genere di intervento di manutenzione quotidiana e per risparmiare sull’acquisto di un apposito detergente, è possibile apprezzare una soluzione fai da te sempre a base di acido citrico. 

Ulteriori consigli su l’acido citrico

Nonostante sia un prodotto del tutto naturale, è necessario non utilizzare l’acido citrico su determinate superfici, come il marmo, il legno, la pietra, i tessuti, i pavimenti realizzati in cotto e in tutte quelle superfici per le quali viene sconsigliato l’utilizzo di sostanze acide. L’acido citrico può essere acquistato in una farmacia, in erboristeria, presso negozi di prodotti sfusi e naturali, dai fornitori di prodotti chimici, supermercati, shop on-line, sul sito e-commerce di Amazon e in tanti altri luoghi. Molto importante è anche la conservazione in casa, in particolare il barattolo deve essere messo al riparo da fonti di eccessivo calore e luce. Inoltre, non va posizionato in zone dove c’è un’alta umidità.