Cosmetici bio e naturali: analisi e requisiti

Cosmetici bio e naturali: analisi e requisiti

Un cosmetico, affinchè sia considerato naturale o bio necessita di particolari requisiti. Ciò è stato spiegato nel dettaglio dai dottori Riccardo Matera, Giulia Leoni e Luca Valgimigli dell’azienda BeC Natura di Forlì, che operano nel settore della cosmesi naturale, di cui riporto link e blog ufficiale dell’azienda.

Quali sono le nozioni che un consumatore deve conoscere per approcciare al meglio alla cosmetica Bio?  

Il consumatore che sceglie un cosmetico biologico risponde alla sua maggiore sensibilità e consapevolezza etica nei confronti delle tematiche ambientali. Possibilmente dovrebbe farlo senza rinunciare all’efficacia del prodotto cosmetico e ai benefici per se stesso oltre che per l’ambiente. Questo è un preciso impegno di BeC nei confronti di quel consumatore. I cosmetici biologici devono contenere almeno il 95% d’ingredienti di origine naturale, inoltre la maggior parte degli ingredienti vegetali deve provenire da agricoltura biologica: noi garantiamo minimo il 95%.

Questi valori però possono variare molto, a seconda dei requisiti dettati dai vari enti certificatori, ed è consigliabile che consumatore li possa verificare di persona sulla confezione. Gli ingredienti naturali e biologici sono ottenuti tramite processi estrattivi più semplici, approvati dall’ente certificatore, che hanno minimo o nullo impatto sull’ambiente. La scelta del cosmetico biologico risponde ad un rinnovato interesse di tutti gli interpreti della filiera produttiva verso l’inquinamento ambientale ed il consumo ecosostenibile.

 Parlare di cosmesi Bio, naturale e di cosmesi sostenibile è la stessa cosa?

cosmetici naturali sono formulati quasi esclusivamente con ingredienti di origine vegetale. La cosmesi naturale non prevede l’utilizzo di sostanze sintetiche come siliconi, petrolati, oli minerali, polimeri e alcuni conservanti di sintesi quali parabeni e cessori di formaldeide. L’impegno maggiore della ricerca è volta a formulare prodotti dermocompatibili, al fine di limitare al minimo l’insorgenza di stati irritativi e sensibilizzazioni.

 foto di cosmetici bio e naturali

cosmetici biologici o Bio sono cosmetici naturali che in più hanno una quota considerevole d’ingredienti provenienti da agricoltura biologica. Inoltre, nei cosmetici Bio l’impatto ambientale dei processi produttivi di ogni singolo ingrediente assume un’importanza fondamentale nella ammissibilità dell’ingrediente stesso. Quindi, perfino molti ingredienti naturali possono venire esclusi dalla formulazione se non garantiscono un impatto ambientale minimo. Questa attenzione si estende al packaging, agli imballaggi e a tutta la filiera produttiva. La cosmesi sostenibile è ispirata dagli stessi principi di eco-sostenibilità della cosmesi Bio, ma in modo più generico e, al momento, meno disciplinato. La cosmesi sostenibile è al momento concentrata meno sull’uso di ingredienti naturali e maggiormente sulla facilità di smaltimento dei rifiuti associati alla filiera del cosmetico, ma è in studio una più precisa definizione legislativa. Si prevedono sviluppi a breve.

Il tema della sostenibilità è ampio e complesso, tuttavia può essere applicato alla cosmetica: come?

Un consumatore attento alle problematiche che riguardano l’inquinamento dell’ambiente che lo circonda riflette questo interesse nel momento della scelta di prodotti, sia nella filiera alimentare che per tutti i prodotti del benessere della persona. In particolare, i cosmetici eco-bio sono prodotti rispettosi dell’ambiente e rappresentano una simbiosi armonica tra uomo e ambiente. La nostra linea di cosmetici certificati eco-bio è dedicata a tutti coloro che vogliono avvicinarsi ad uno stile di vita più consapevole, etico ed ecosostenibile, senza rinunciare all’efficacia.

Quest’ultimo aspetto è importante e noi gli dedichiamo la massima attenzione. Se il consumatore rinuncia ad essere pienamente soddisfatto dell’efficacia e di ciò che il cosmetico fa per lui, prima o poi sarà deluso dalla sua scelta e tenderà a ritornare sui suoi passi, alla ricerca di qualcosa che soddisfi i suoi bisogni. Questo vanificherebbe tutto! E’ importante quindi che il prodotto Bio sia pienamente efficace e performante, così che il consumatore non debba viverlo come una rinuncia. Questo renderà la scelta sostenibile verso l’ambiente, ma anche sostenibile nel lungo termine per il consumatore, cioè veramente sostenibile! Purtroppo, la maggior parte dei produttori trascurano completamente questo aspetto.

Un cosmetico naturale è più sicuro di altri?

La normativa europea Regolamento 1223/2009 CE assicura che tutti gli ingredienti presenti nei cosmetici, a determinate concentrazioni, siano considerati sicuri: la sicurezza quindi è un requisito per tutti i cosmetici sia naturali che non (intendendo quelli con ingredienti di origine sintetica). Gli ingredienti più problematici da un punto di vista tossicologico ricevono particolare attenzione, infatti la Legge impone dei limiti di utilizzo entro i quali è necessario sottostare.

Immagine di cosmesi bio e naturale

La ricerca della cosmesi naturale in campo formulativo è rivolta alla scoperta di validi componenti di origine naturale o biologica che suppliscano “naturalmente” alle funzioni a cui i componenti di sintesi hanno assolto egregiamente in passato, ma che oggi sono messi fortemente in discussione da un segmento crescente di consumatori che li ritengono ingredienti sgraditi in quanto potenziali responsabili di reazioni allergiche, di sensibilizzazione e tossicità.

L’assenza di conservanti tradizionali “chimici”, ad esempio, rappresenta sicuramente la tendenza di mercato: lo scopo è quello di raggiungere soluzioni naturali che garantiscano la sicurezza del cosmetico,  minimizzando i fenomeni irritativi. Purché il cosmetico sia fatto bene e di alta qualità: è meglio un conservante sintetico che un’infezione, no? La cosmesi naturale, quindi, è ideale per il consumatore attento che cerca la massima sicurezza, ma attenzione a non trascurare la qualità, che è altrettanto importante e non è un requisito automatico del cosmetico, sia esso naturale oppure no.

Ritiene opportuna l’istituzione di una Normativa che garantisca il rispetto di un regolamento anche per il cosmetico Bio e naturale o sono sufficienti le attuali certificazioni private?

Bisognerebbe fare una distinzione tra ciò che è veramente naturale e biologico, da ciò che non rientra affatto in queste due categorie. Il punto è uno: l’esistenza di diversi disciplinari, spesso complessi e con differenze anche importanti tra loro, dà spazio all’anarchia, confonde il consumatore e consente ad alcuni di approfittarsi della confusione.

Mentre per il settore alimentare esiste una normativa di riferimento che regolamenta a livello comunitario l’agricoltura biologica (Regolamento europeo 2092/91), per il settore cosmetico non esiste di fatto una direttiva di riferimento condivisa che vada a conformare ufficialmente il ramo della cosmesi naturale, né tantomeno quello della cosmesi biologica.

Proprio la mancanza di precise norme di riferimento ha consentito la presenza sul mercato di cosmetici che pur non rispondendo ad alcun canone di naturalità ed eco-sostenibilità fossero presentati come “naturali e biologici”, ingannando il consumatore che si ritrova a girovagare senza bussola. Questa “eco-confusione” danneggia anche chi veramente crede nella filosofia del cosmetico naturale e/o biologico e può rischiare di delegittimare l’intero settore. Infatti, in assenza di una definizione legale di cosmetico naturale o biologico, oggi non è necessario avere alcuna certificazione o aderire ad alcun disciplinare, per poter dichiarare naturale o biologico un prodotto.

Per questi motivi, noi riteniamo necessaria l’istituzione di una normativa che permetta di unificare le tante regole dettate ora dai vari enti certificatori privati, a cui, in modo del tutto volontario, oggi si decide di fare capo.

La speranza è che la crescente importanza che il cosmetico naturale o eco-bio riveste per il consumatore, porti, in tempi stretti, a una normativa comunitaria, che armonizzi e crei chiarezza nel settore. Al momento, non essendoci ancora uno standard unico, noi abbiamo deciso di porre i nostri prodotti al vaglio del disciplinare francese Ecocert, il primo ad aver introdotto la certificazione eco-bio per i cosmetici, il più diffuso in ambito internazionale ed uno fra più rigidi e rigorosi. Abbiamo ritenuto in tal modo di garantire la massima trasparenza e sicurezza ai nostri clienti.